ricexperience

turisti nel riso

Hai voglia di scoprire un territorio caratterizzato da una grande tradizione rurale, cascine storiche, Musei e abbazie? lasciati ispirare dagli spazi della campagna e dai suoni che riportano indietro nel tempo.

Ricexperience.it – Turisti nel riso

Ricexperience

Il farinaccio di riso usato dai parrucchieri di Rigené a Mortara

I parrucchieri del riso, a Mortara!

Sembra qualcosa di fuori dall’ordinario, ma di certo la storia di Rigené Parrucchieri è davvero una #ricexperience! Sono i parrucchieri del riso e sono una delle anime di un progetto sociale importante tra le risaie della Lomellina. Il tutto si svolge tra Mortara, Cilavegna e Vigevano.

Roberta Colli è il motore di questa esperienza e l’abbiamo incontrata spesso sul portale Riso Italiano a raccontare i benefici del farinaccio di riso (uno scarto della lavorazione in riseria che trovate in commercio da Riserva San Massimo) per la cute e in particolare per i capelli. Il metodo si chiama RIGENESIS e permette di individuare le anomalie cutanee che impediscono ai capelli di essere sani e lucenti.

Il farinaccio, in particolare, ha proprietà rimineralizzanti: va mischiato, nelle giuste proporzioni, all’olio di cocco e all’olio essenziale di limone e applicato per circa 30 minuti su cute e capelli prima dello shampoo.

IL SOR RISO TRA I CAPELLISabato 20 ottobre, dalle ore 14.00, in collaborazione con l’Azienda Agricola Riva, ci sarà la…

Pubblicato da Roberta Colli su Lunedì 15 ottobre 2018

Ma oltre a questa esperienza wellness con Riserva San Massimo, Roberta ha anche all’attivo un’altra attività importante, che unisce il riso al sociale. Insieme all’Azienda Agricola Riva, che a Cilavegna coltiva il Carnaroli “Classico” (quindi in purezza) come una volta, e alle donne seguite dalla Cooperativa Kore di Vigevano, dai parrucchieri del riso si passa velocemente al valore del lavoro in risaia, al lavoro che sporca le mani, che fa venire male ai muscoli, ma che nobilita chi lo fa. Questo è l’obiettivo del progetto “Coltiviamo il rispetto” che proprio con Roberta Colli, nelle risaie lomelline, offre riscatto a donne che hanno subito maltrattamenti e che hanno vissuto situazioni difficili. Sono nuove mondine, ma hanno fatto anche la semina a mano e il cosiddetto diserbo manuale. Da un passato di violenza e stalking, le terre di risaia danno loro una bella possibilità di ricominciare.

Il riso prodotto in questi campi sarà venduto con il marchio della cooperativa dando il giusto compenso alle lavoratrici. Ed è biologico e non ha tracce di prodotti chimici. Intanto con il farinaccio di riso ci si prende cura dei capelli nei saloni dei parrucchieri del riso di Mortara. Non c’è che dire, davvero un modo di rigenerarsi, in tanti sensi!